Selezionato:

Oltre l’Etica. L’Arte Etica nel dialogo tra passato e futuro

 30,00  28,50

Oltre l’Etica. L’Arte Etica nel dialogo tra passato e futuro

Sandro Orlandi Stagl

L’arte si muove liberamente, senza barriere e senza confini. Indipendentemente dai limiti geografici, dalla lingua e dai costumi, l’arte accade. Il tema della 14a Biennale Internazionale di Arte Contemporanea di Curitiba “Frontiere aperte” ci guida verso i versi di Pablo Neruda, “la mia patria è nei tuoi occhi”. E così ci rendiamo conto che la storia della nostra vita è composta dalle relazioni che creiamo, dai dialoghi che conquistiamo.
Il Museo Paranaense rafforza la sua collaborazione con la Biennale di Curitiba ospitando nel suo circuito espositivo la mostra collettiva “Além da Ética”, a cura di Massimo Scaringella, Paolo Mozzo e Sandro Orlandi, con opere di 17 artisti, tra cui brasiliani e stranieri. Presentando i suoi punti di vista in grado di liquefare le nostre barriere grazie all’arte raggiunge e al proprio “potere di scuotere l’anima”, così unico.
Esporre, al Museo Paranaense, le opere degli artisti del Movimento Arte Etica, che hanno riflettuto sulla straordinaria capacità dell’arte di risvegliare il senso della vita, è di per sé creare nuovi dialoghi, creare nuovi approcci, che sono pensati per raccontare la nostra storia in una sorta di mimesi dell’occupazione del nostro territorio, che ha avuto luogo attraverso molti incontri. Le opere esposte raggiungono, attraverso metafore formali, la liberazione di tutti i pensieri.
In Tristes Trópicos, Levi Strauss notò il paradosso senza soluzione: meno una cultura comunica con l’altra, più è difficile corromperla. D’altra parte, aggiunge, “sarà anche più difficile per i rispettivi emissari di queste culture essere in grado di abbracciare la ricchezza e il significato della loro diversità”.
Dopo aver attraversato la mostra “Oltre l’etica”, si comprende che il suo scopo, più che mostrare opere artistiche, è incoraggiare la riflessione su di esse: l’apprendimento. Il riconoscimento delle ricchezze presenti nella differenza e non solo nell’identità. I pezzi in mostra “ci insegnano” come la natura e le culture si intrecciano, continuamente, ma anche in modo effimero. Ogni lavoro presentato in questa mostra comunica qualcosa,
quindi, nello stesso momento, ci rendiamo conto, come ha definito magnificamente Mario Helio Gomes, che “una mostra è anche viaggio e spettacolo. Vedere l’Altro o mettersi al suo posto”

 30,00  28,50

Sconto del 5%

Spedizione gratuita in Italia
per ordini a partire da 28,00 euro

Spedizione in 2-3 giorni lavorativi

Anno
2020
Copertina
cartonato
Formato
24 x 28
Pagine
176
Lingua
Italiano/Spagnolo
ISBN 978-88-9397-020-4
×
×

Carrello